Tel. 045 810 47 60
Linkedin

Cosa Offriamo

L'ambulatorio di Gnatologia si occupa di diagnosticare e curare i problemi dell’apparato masticatorio: malocclusioni, disordini cranio cervico mandibolari, bruxismo, alterazioni dell’articolazione temporo-mandibolare. Si tratta di disturbi che possono compromettere la masticazione, la deglutizione o la fonazione ma anche la postura; per questo lo gnatologo spesso collabora anche con posturologi, oltre che con chirurghi maxillo-facciali e ortodonzisti.

Quando rivolgersi allo gnatologo?

Nei casi di “click” della mandibola mentre mangiamo, di forti mal di testa apparentemente inspiegabili, di dolori muscolari a carico della cervicale, di frequenti infiammazioni del nervo trigemino facciale. Ma anche in presenza di dolori alla schiena e alle gambe, frequenti strappi o stiramenti che possono essere sintomi posturali dovuti a una malocclusione. In questi casi saranno il fisioterapista o il posturologo ad indicare al paziente uno gnatologo a cui rivolgersi.

Visita gnatologica

La visita gnatologica considera tutta la storia clinica del paziente per giungere ad un corretta diagnosi. Il fine è capire se i disturbi accusati dal paziente sono relazionati ad una malocclusione.

Le principali patologia trattate

Le patologie trattate dalla gnatologia sono numerose, le principali sono:

• Bruxismo: chiamato anche digrignamento, è una attività eccessiva dei muscoli che muovono la mandibola. La forma più frequente di questa patologia è il serramento, cioè un contatto prolungato delle due arcate dentarie.

• Blocco della Mandibola: ossia difficoltà del paziente ad aprire la bocca per un blocco del meccanismo condilo-discale che permette l’apertura della bocca.

• Acufeni: quelli che chiamiamo fischi o ronzii alle orecchie possono derivare da fenomeni di bruxismo e serramento dei denti.

• Cefalea: forti emicranie e cefalee muscolo-tensive

• Dolori al rachide: analisi delle cause ascendenti e discendenti tramite esame stabilometrico e posturometrico (pedana stabilometrica computerizzata).

Cose'è la stabilometria?

E’ un esame che permette di valutare e misurare l’equilibrio attraverso una pedana computerizzata che risponde a precise norme internazionali di costruzione, sensibilità e taratura.

L'esame stabilometrico viene utilizzato per lo studio della postura, valutando la distribuzione delle forze verticali sul piano di appoggio e misurando la stabilità del paziente e l’energia utilizzata.

Contribuisce alla diagnosi dei disturbi dell’equilibrio (vestibolopatie periferiche o centrali, disturbi cerebellari, lesioni corticali, disturbi dell’apparato visivo, malattie osteo-muscolari), al monitoraggio delle terapie riabilitative e farmacologiche e alla valutazione medico-legale per stabilire l’autenticità di disturbi riferibili a colpi di frusta cervicali o ad altre cause.

Prenota la tua visita

Grazie alla nostra esperienza, siamo in grado di fornirti tutte le cure odontoiatriche di cui hai bisogno. Contattaci allo 045.8104760 e spiegaci la tua esigenza, saremo lieti di fornirti una soluzione.

Contattaci per informazioni