Tel. 045 810 47 60
Linkedin Instagram
Ginecologia e Ostetricia

Cos'è il Pavimento Pelvico?


Immagine realizzata con l’illustrazione di Francesca Altamura

Cos’è il Pavimento Pelvico?


Si tratta di un delicato e resistente “telo” fatto di muscoli, alcuni superficiali altri più profondi, e di legamenti, sapientemente intrecciati tra loro, che si fissa alle ossa del bacino, lo riveste internamente e lo chiude in basso. Puoi “sentirlo” quando sali in bicicletta: è la parte del bacino che appoggi sulla sella. È dunque la parte “morbida” del bacino.
Nella donna il Pavimento Pelvico è attraversato da 3 aperture: l’uretra, da dove fuoriesce l’urina; la vagina che, partendo dall’esterno, finisce col circondare il collo dell’utero, assumendo un ruolo indispensabile per l’apparato riproduttivo ed il parto; l’ano, da cui fuoriescono le feci. Dunque queste aperture rappresentano gli sbocchi esterni dell’apparato gastro-intestinale e di quello genito-urinario, adagiati sul Pavimento Pelvico e tenuti in sospensione per mezzo di strutture molto simili ad elastici, i legamenti, che si inseriscono poi sui bordi ossei.

Perché è così importante?


I ruoli fondamentali che svolge il Pavimento Pelvico sono pertanto: il sostegno degli organi pelvici, che per forza di gravità pesano verso il basso, e il controllo degli sfinteri, quali vagina, uretra e ano, che rispettivamente regolano la qualità dei rapporti sessuali, la fuoriuscita e il contenimento di feci e urina.
Se questi muscoli, poco conosciuti e trascurati, dovessero perdere la loro forza, non sarebbero in grado di svolgere efficacemente i loro compiti, con ripercussioni su diversi organi e funzioni del corpo.
Le disfunzioni del Pavimento Pelvico colpiscono circa 1 persona adulta su 4, in gran misura donne, perché la presenza dell’apertura vaginale comporta che le pressioni intra-addominali generalmente siano direzionate al comparto perineale anteriore, ma anche a causa delle sollecitazioni a cui sono esposte durante la gravidanza ed il parto. Inoltre, l’arrivo della menopausa e le alterazioni ormonali che ne derivano, rendono i tessuti e i muscoli meno nutriti, ne consegue un cedimento normale di tutte le strutture del tuo corpo, incluso il Pavimento Pelvico.

 
FAQ

Come posso mantenere il mio Pavimento Pelvico in forma?
  • Controlli regolari dal tuo ginecologo di fiducia/ostetrica specializzata in Rieducazione del Pavimento Pelvico (in particolare durante la gravidanza e soprattutto nel post parto) e con l’avvicinarsi della menopausa per capire, con una valutazione manuale, se è necessaria una rieducazione perineale con sedute specifiche oppure solo consigli di vita quotidiana.
  • Prendersene cura quotidianamente:
  • Bevi al bisogno, circa 1,5-2 lt al giorno di acqua; non spingere per urinare più velocemente ed impara a non trattenere l’urina il più a lungo possibile o comunque evita minzioni troppo ravvicinate (a distanza di un’ora per esempio);
  • Non rimandare mai il primo stimolo defecatorio (ed anche il successivo) per evitare che le feci si disidratino e diventino più dure, rendendone difficoltosa l’espulsione; è importante sedersi correttamente sul water, evitando di sprofondare con i glutei nell’apertura del WC; aiutati con un’alimentazione equilibrata nell’apporto di liquidi e fibre;
  • E’ importante assumere una corretta posizione seduta, per evitare di alterare la postura del bacino e quindi il tono muscolare del Pavimento Pelvico, che lo chiude in basso; evita di stare troppo tempo nella stessa posizione e mantieni uno stile di vita attivo per la salute del tuo bacino e quindi del Pavimento Pelvico;
  • Gestisci correttamente gli sforzi nelle faccende domestiche o nel sollevamento della spesa o comunque nello svolgimento di qualsiasi attività fisica.
 
Quali sono i primi sintomi che compaiono in caso di IPOTONO (mancanza di tono muscolare, debolezza, flaccidità)?
  • Perdite urinarie sotto sforzo (quando tossisci, starnutisci, ridi oppure se sollevi pesi, come ad esempio la spesa, o ancora durante l’attività fisica) oppure incapacità a trattenere urina in presenza di uno stimolo impellente e improvviso;
  • Difficoltà a trattenere i gas intestinali e/o le feci;
  • Incapacità di trattenere assorbenti interni; perdita di aria dalla vagina durante movimenti di varia natura o i rapporti sessuali oppure perdita di liquidi dalla vagina dopo l'immersione in acqua (ad esempio un bagno caldo o una nuotata in piscina);
  • Sensazione di peso e di instabilità nella zona perineale, soprattutto quando si sta in piedi;
  • Incapacità a provare piacere durante i rapporti sessuali (anorgasmia).

 

Quali sono i primi sintomi che compaiono in caso di IPERTONO (muscolatura fortemente contratta, rigida)
 

  • Stitichezza ed emorroidi, ritenzione urinaria e cistiti;
  • Dolori mestruali intensi (DISMENORREA);
  • Incapacità ad avere rapporti sessuali per uno spasmo dei muscoli pelvici, che rende impossibile la penetrazione da parte dell’uomo (VAGINISMO); dolore genitale persistente e ricorrente associato al rapporto sessuale, che si può avvertire sia nella stimolazione preliminare che durante la penetrazione, oppure, in alcuni casi, anche dopo (DISPAREUNIA);
  • Dolore non associato a rapporto sessuale, ma scatenato anche solo da indumenti troppo stretti o dalla comune posizione seduta (VULVODINIA o VESTIBOLODINIA).
  • Incapacità a provare piacere durante i rapporti sessuali (anorgasmia).

 

Cosa è necessario fare per ripristinare/regolare il tono muscolare?
 

  • Rivolgersi quanto prima ad un’Ostetrica specializzata in Rieducazione funzionale del Pavimento Pelvico o comunque al tuo Ginecologo di fiducia per un inquadramento specifico del problema.
  • In caso di necessità è possibile intraprendere un percorso di Rieducazione funzionale del Pavimento Pelvico, studiato per il tuo specifico problema. Avrai sentito parlare in qualche video su internet o in qualche rivista degli “esercizi di Kegel”. Sono degli esercizi di contrazione del Pavimento Pelvico, ormai superati. Ti ho accennato che il Pavimento Pelvico è stratificato (3 strati: superficiale, medio e profondo) e quindi il suo allenamento prevede tecniche mirate che vadano ad attivare soprattutto lo strato più profondo, per l’ottenimento di risultati validi e prolungati nel tempo.

 

Francesca Altamura è Ostetrica specializzata in Rieducazione funzionale del Pavimento Pelvico presso le Cliniche Santa Sofia.

Per avere maggiori informazioni e per imparare a conoscere il tuo Pavimento Pelvico, è possibile prenotare:
Chiamando lo 0458104760  o scrivendo a polispecialistica@clinichesantasofia.com